Cantine Aperte 2017

Non sarò presente quest’anno alla rassegna Cantine Aperte, domenica 28 maggio l’edizione del venticinquennale, da tempo ho accolto l’invito a dare un omeopatico contributo a Pane e Sapori in Cattafame che nella stessa giornata grazie alla collaborazione di molti, citarne uno sarebbe un poco far torto ad altri, cerca di contribuire, in modo più che…

Cavalleri e l’Au Contraire

Guai a riflettere sui meccanismi che oggi regolano il rapporto tra il mondo del cibo, del vino e quello dei suoi descrittori: food blogger, giornalisti, recensori di TripAdvisor… Babele accennata in ordine rigorosamente alfabetico, sai mai scatenare l’ennesima, e un poco imbarazzante, querelle. Non lo farò certamente io, specie prima di dedicare alcune righe a…

Di Colombe, di Franciacorta, di grandi enigmi

Poco meno di una settimana fa appariva su La Nazione – edizione di Massa Carrara – una sorta di appello/denuncia fatto da Margherita Dogliani del Biscottificio Piemonte dal titolo vagamente wertmülleriano: «Al supermercato colombe a un euro e 90. Merci di qualità e lavoro non possono costare così poco». In sintesi la titolare, con la…

ARTE & Bollicine 2014

Di eventi con una più o meno marcata componente enogastronomica non c’è certo penuria, l’avvicinarsi dell’EXPO Milano 2015 con il suo slogan – Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita – ha sollecitato i più a scoprirsi da sempre attenti a tematiche legate al cibo e alla sua cultura. Probabilmente apparirò come snob, per rimanere…

La percezione del Franciacorta oggi

Ricevo dal Consorzio per la tutela del Franciacorta, nella persona di Beatrice Archetti, i dati della nuova indagine condotta da AstraRicerche, la precedente è datata 2011, sulla percezione che gli italiani hanno verso questa DOCG (anche verso il relativo territorio ma vorrei limitarmi ad un aspetto). In sintesi «emerge un generale rafforzamento del posizionamento di…

Metti due bresciani a Londra

Diciamolo apertamente, sfogliando le carte dei vini dei ristoranti europei le bottiglie bresciane, tranne rare eccezioni sono pressoché assenti – ma la considerazione può essere facilmente estesa a buona parte della produzione italiana -, a far la parte del leone i soliti vini dei cugini d’oltralpe, Champagne in primis, poi sempre più presenti i Cava…

(Piccole) bolle crescono

Nessuno si offenda, piccole bolle può significare tante cose ma non certo piccola qualità o piccolo nome, in questo malato (mi riferisco al sottoscritto in lotta con uno dei raffreddori più potenti che ricordi e corredato da sintomi che fanno pensare a qualcosa di più, anche se il resto …) fine d’anno, unisco in un…

I Tondi di Franca Ghitti

“Quel che importa è il segno che tu lasci sul territorio,                                                                 la contaminazione che effettui sulla gente.” Da un’intervista a Franca Ghitti del 2007   Non m’inventerò di certo esperto d’arte, sono più che mai convinto che ognuno di noi dovrebbe pubblicamente parlare, e ancora di più scrivere, delle poche o tante cose che conosce,…

La Signora del Franciacorta, Giulia Cavalleri Nember

Non nascondo la mia personale simpatia per le piccole cantine, magari non conosciutissime, e per i loro proprietari. Credo trapeli con disarmante facilità scorrendo questo blog. Non nascondo nemmeno l’altrettanto personale convinzione che L’Azienda Agricola Cavalleri costituisca un caso a sé nel vasto panorama della Franciacorta, a farmelo dire non è tanto la decisione di non far parte…

Buon anno con le bollicine di casa

Non è certo un diktatum, nemmeno un consiglio o l’ennesimo invito a percorrere km 0. Semplicemente un insieme di nomi che, pur nella sempre fertile e cercata diversità, interpreta a proprio modo il concetto di Franciacorta. Di certo alcuni si strapperanno le vesti o faranno spallucce all’idea di brindare con delle bolle “nostrane”, forti del…

Una giornata di passione terrena – III parte

Il caldo si fa sempre più presente … Christian fra poco si rifugerà sotto l’ombra di un albero, ma prima gli ultimi scatti: come abbandonare il raduno dei Sovversivi senza fermarsi dinanzi al “Frizzo della Franciacorta”? Ad accoglierci i sorrisi di Lucia Barzanò, il Mosnel, e Giovanni Arcari cicerone dei suoi pupilli Colline della Stella…